martedì 31 gennaio 2012

In Favore del Protezionismo


La Apple delocalizza ancor di più, e finalmente il New York Times si inquieta di ciò che la globalizzazione ha fatto agli esseri umani americani. Praticamente tutti i 70 milioni di iPhone e i 30 milioni di iPad sono fabbricati fuori dagli USA. Apple ha ancora 43 mila dipendenti negli Stati Uniti; ma paga altri 700 mila lavoratori non americani che dipendono da sub-fornitori, contractors e progettisti. (How the U.S. Lost Out on iPhone Work).

lunedì 30 gennaio 2012

Debito sovrano europeo – Chi deve a chi?

Incrociando i debiti che i paesi europei hanno l'uno con l'altro, il debito totale si potrebbe ridurre del 64%!

È sempre più evidente che con l'attuale struttura e composizione dei suoi aderenti l'Euro non funziona.
Il mercato sembra orientare il cambiamento verso un cambiamento dei membri (attraverso ristrutturazioni e svalutazioni temporanee – i.e. GRE CDS [1] e una Dracma WI [2]) mentre il 'management' dell'Eurozona sembra tendere a cambiamenti strutturali (i.e. La protezione dell'EFSF [3], Euro-bond, e unione fiscale).
A fronte del costo elevato di qualsiasi soluzione si adotti, una ricerca effettuata quest'estate da ESCP Europe suggerisce che sia possibile un approccio più sofisticato, volto a ridurre il complesso del debito sovrano aggregato europeo di quasi il 64%.
La soluzione: interconnessioni [netting] [4] bi- e tri-laterali, oltre al libero commercio [del debito].

lunedì 23 gennaio 2012

Italia. Terra di Conquista

A chi dice che l'attuale governo monti è il meglio per l'Italia e che la Sovranità del Popolo Italiano non è in discussione.
Come dire: prima inglobati e poi svuotati.

Nell'anno appena concluso le aziende italiane in crisi per debiti o liquidità sono state oggetto prediletto dell'interesse dei grandi gruppi esteri.
A cominciare da quelli francesi e cinesi, sostenuti - soprattutto i secondi - dal grande capitale di Stato.
Il controvalore delle operazioni è cresciuto dell'80% rispetto al 2010 e vale oggi quasi la metà della finanziaria del governo.
E il 2012 non si annuncia migliore

L’ultima in ordine di tempo è la Ferretti group, passata alla società cinese Shandong Heavy Industry Group – Weichai.

Ma come fanno US e UK

Mai sentito parlare di Louis Vierne? Era un organista francese, dalla vita particolarmente sfortunata: cieco dalla nascita, tradito dalla moglie, perse un fratello e un figlio in guerra, non riuscì a succedere alla cattedra di Guilmant in conservatorio, nonostante diciotto anni di precariato, e neanche a Widor nella titolarità dell’organo di St Sulpice.
Gli toccò l’organo particolarmente inefficiente di Notre Dame, devastato dalle intemperie, e lui si sfiancò di concerti per tutta l’Europa cercando fondi per farlo restaurare completamente.
E cinque anni dopo esserci riuscito, nel 1937, a 67 anni, morì riverso sulla tastiera del suo organo, al termine del suo 1750° concerto (e naturalmente chi sa la storia della musica, oltre a toccarsi, coglie l’allusione).

venerdì 20 gennaio 2012

Mario Monti, Lobbista dei BomBanchieri della NATO

Cresce l'interesse delle multinazionali finanziarie per i business "poveri", dalle pensioni agli ammortizzatori sociali.
Tutto diventa occasione per privatizzazioni, imposizione di conti correnti e carte di credito (vedi la "flexsecurity").
Bisogna "liberalizzare", ma le assicurazioni diventano obbligatorie su tutto: oltre alle casalinghe, ora anche i professionisti devono essere assicurati e gli automobilisti, invece che un tagliando, dovranno avere un microchip.

martedì 17 gennaio 2012

Il Porcellum e i tre porcellini

Il marcio che avanza, ovvero la discussione sulla legge elettorale dopo la bocciatura del referendum

Dunque non se ne farà di niente.
L'ennesimo referendum in materia elettorale è stato cassato dalla Corte costituzionale.
Chi scrive non aveva dubbi in proposito.
Giuridicamente, la Corte aveva validi motivi per bocciare i quesiti referendari, ma la decisione è stata eminentemente politica, rispondendo ad un preciso input del Quirinale.
Il manovratore Monti non andava in alcun modo disturbato, e così è stato.

domenica 15 gennaio 2012

Ecco perchè l'Italia è a Sovranità Limitata, anzi nulla

Molte delle cose dette nel seguente articolo sono condivisibili ma altre no fra le quali: 
  1. L'Italia è sotto occupazione straniera perchè ha sul suo suolo più di cento basi militari americane, dovutegli dalla Seconda guerra mondiale, sono passati più di 60 anni e nessuno chiede spiegazioni di perchè siano ancora lì, e alla rovinosa resa badogliana che non ha paragoni nella storia umana e che si configura come il più grande tradimento mai fatto.
    Quella resa ha definitivamente affossato la possibilità di parlare d'Italia e oggi ne vediamo le conseguenze.

sabato 14 gennaio 2012

Ma il Popolo è Sovrano?

Manovre sinistre si avvertono sul fronte dell’acqua. In pochi giorni, in piena continuità di stile berlusconiano, facendosi precedere da un ballon d’essai dell’ authority per la concorrenza, il Presidente del Consiglio ed il suo sottosegretario si sono presentati in tv per spiegare agli italiani che portare a casa le liberalizzazioni è il senso profondo della fase 2. I due esponenti del pensiero unico neoliberista globale hanno mostrato preoccupazione e rispetto per l’esito referendario di giugno ma hanno anticipato che, purtroppo, qualcosa va fatto anche sul fronte dell’acqua.

venerdì 13 gennaio 2012

Il Bacio della Morte

Roma.

«La Banca d'Italia è autorizzata a svolgere le trattative con il Fondo monetario internazionale per la conclusione di un accordo di prestito bilaterale per un ammontare pari a 23 miliardi e 480 milioni di euro. L'accordo diventa esecutivo a decorrere dalla data di entrata in vigore del presente decreto legge».

Liberammazziamo

Dopo avere imbonito con astuzia i seguaci del babaismo, attraverso la spettacolare operazione “Cortina fumogena” e terminata la prima tranche di nuove tasse (autoreplicanti) per tutti, soprattutto se poveri, il balitore al servizio dell’usura, Mario Monti, sembra avere intenzione di dedicarsi ad un nuovo capitolo del progetto “affonda Italia” che sta alacremente portando avanti per conto terzi. Laddove i terzi sono costituiti dalla grande finanza internazionale, coniugata attraverso banche e multinazionali.
Per iniziare a prodursi nei licenziamenti di massa probabilmente i tempi non sono ancora maturi, ragione per cui, nell’attesa che lo diventino, contando sull’ausilio della “stampa amica” che incensa ogni passo compiuto dal Cagliostro di Goldman Sachs, trasformando...

giovedì 12 gennaio 2012

Il Totalitarismo dei Consumi

La liberalizzazione degli orari di vendita ha portato con sé, in Portogallo, quella delle licenze di costruzione. E la città ne è uscita sfigurata.
C'è una cosa su cui il Portogallo è sicuramente molto avanti rispetto all'Italia: le liberalizzazioni.
Qui questo annoso e antipatico problema degli orari dei negozi è stato risolto da tempo: la libertà di scelta dei negozianti è ampia e così i clienti non sono più vincolati da «assurde» leggi dal carattere vagamente bolscevico (come accade ad esempio in Germania, Svizzera o Belgio) che impediscono loro di acquistare quando meglio credono. Dalle 9 del mattino alla mezzanotte, dal lunedì alla domenica supermercati, libri, farmacie, tecnologie varie, vestititi eccetera: non resterete mai a secco.

mercoledì 11 gennaio 2012

Monti prepara i Saldi: UE, Francia e Germania ringraziano

Potrebbero cominciare presto i saldi al "discount Italia", il grande centro commerciale gestito oggi da un "consiglio d`amministrazione" che sembra rispondere ad azionisti stranieri che ci si ostina a chiamare partner invece che concorrenti e rivali. Non c`è bisogno di aderire a teorie complottistiche per notare le forti sponsorizzazioni esterne del governo Monti. Ha fatto scalpore la notizia resa nota dal Wall Street Journal della telefonata tra Angela Merkel e il presidente Giorgio Napolitano, ma pochi ricordano i contatti tra Napolitano e Barack Obama durante la messa a punto del governo tecnico e dai quali sarebbero emersi i nomi dei ministri di Esteri e Difesa: l`ambasciatore negli Stati Uniti, Giulio Terzi, e il presidente del Comitato militare della Nato, l`ammiraglio Giampaolo Di Paola. Uomini che garantiscono alla Casa Bianca l`assoluta fedeltà dell`Italia.

martedì 10 gennaio 2012

Capitalismo e Solitudine

Enormi cambiamenti sociali della forza lavoro statunitense e del commercio hanno trasformato l'economia, nonché influito potentemente sulle relazioni personali. A partire dal 1970, siamo passati dall’essere una società di persone connesse in gruppi di ogni genere a di persone che sono troppo spesso sconnesse, distaccate e alienate l'una dall'altra.
Il numero uno è il numero più solitario e nelle loro vite personali gli Americani sono sempre più soli.

lunedì 9 gennaio 2012

Repubblica, Il Quisling e l'antiberlusconiano di tipo A

Se anche per «Repubblica» l'Europa non è più il «bene» di un tempo

Ammettiamolo: per certi aspetti il quotidiano Repubblica è una spia davvero interessante.Repubblica, che nacque già nel 1976 come giornale-partito, è oggi un partito-giornale dai due volti complementari.
Da un lato è uno degli organi più importanti delle oligarchie finanziarie, dall'altro è il vero portabandiera di quello che possiamo definire come antiberlusconismo di tipo A*.

Questi due caratteri non sono contraddittori.
Al contrario, è proprio grazie all'antiberlusconismo alla Scalfari, se l'uomo delle tante sette semi-segrete che diramano dalla cupola del capitalismo-casinò ha potuto stabilirsi a Palazzo Chigi e presentarsi come Salvatore della patria.
Per Repubblica il professor Quisling è questo e altro, ma dal suo insediamento novembrino ad oggi sembra già passato un anno.

sabato 7 gennaio 2012

I «Monti Boys»

L'Italia è finita «nelle migliori mani» (Pierferdinando Casini in versione salva-Italia), quelle del «genero ideale dei tedeschi», cioè della Merkel (Mario Monti, in versione penosamente autoironica). Un genero che non fa logorroiche conferenze stampa, ma «bagni di realtà» (Pierluigi Bersani in versione bagnino romagnolo), anche se «manca qualcosa per il sociale» (a smacchiare leopardi si diventa pignoli).

Ora si comprende la novembrina disperazione dei comici. Non tanto per la dipartita del capo-comico, il premier-barzellettiere che faceva ridere per molte cose ma di certo non per le sue barzellette, quanto l'arrivo dei Monti boys, attempati signori che in attesa di un qualche riciclaggio politico devono pure inventarsi qualcosa. E con loro non c'è gara. Non sappiamo come andrà con tassisti e avvocati, ma almeno l'esercizio della professione di comico è già liberalizzato.

mercoledì 4 gennaio 2012

Debito Perpetuo

È impossibile ripagare debiti che sono più di tre volte il reddito nazionale, perché se includi debito dello stato, delle famiglie e delle imprese siamo al 320% del PIL (e in Inghilterra oltre il 500%).

Questo perché i creditori sono in larga parte gente che non lavora e produce e vive di rendita (come Antitrader che incassa cedole e scrive su forum, per cui non contribuisce alla società) e i debitori sono in larga parte gente invece che investe, lavora e produce per cui l'economia si ferma quando è schiacciata da debiti.
Le imprese, i piccoli imprenditori e i lavoratori dipendenti giovani si indebitano, gli anziani che hanno soldi da parte e i benestanti che vivono di rendita e la grande finanza mettono soldi in bonds.