martedì 29 luglio 2014

Il sistema di credo emotivo, o EBS (Emotional Belief System)

Quello che io chiamo il nostro sistema di credo emotivo, o EBS (Emotional Belief System)) è la somma complessiva della nostra filosofia interiore.
Questa deriva, a sua volta, dalla somma complessiva delle nostre esperienze di vita.
Le nostre filosofie individuali sono
essenzialmente di tipo
emozionale, poiché buona parte di ciò in cui crediamo non è necessariamente logico.
Tali filosofie possono addirittura essere contraddittorie, ma nonostante questo noi prendiamo le nostre decisioni e governiamo la nostra vita in base ad esse.

Il nostro EBS ci viene impiantato durante l'infanzia tramite osmosi culturale e tramite asserzioni di tipo autoritario.
Noi assorbiamo il modo di pensare della nostra società nello stesso modo in cui un giovane anatroccolo si fissa sul primo oggetto che vede muoversi dopo la nascita.


Buona parte di questa "marchiatura" è causata dalla religione, di qualsiasi natura essa sia, non necessariamente quella comunemente accettata di natura divina, ma ogni dogma proveniente dall'alto senza alcuna spiegazione a corollario: uno dei maggiori condizionatori della società.
A questo si aggiunga la nostra prima educazione, ciò che ci viene insegnato (e che, sopratutto, ci viene taciuto), sommato all'influenza dei nostri genitori.
È attraverso questo meccanismo che noi arriviamo prima o poi a distinguere "giusto e sbagliato", "bene e male", "successo e fallimento", ecc.

Vi siete mai chiesti come è possibile che un uomo del terzo mondo, che ha solo un paio di pantaloni sdruciti, possa essere così contento di se stesso anche se gli spuntano le costole per la fame?
Come può sentirsi bene, sapendo che il gran numero di figli che ha messo al mondo diventeranno dei poveracci come lui? E mi scuso se ciò può apparire pregiudizievole.
Il motivo è che, nella sua società, l'atto stesso di mettere al mondo molti figli lo rende un "uomo di successo".
E' logico questo? No!
È emotivamente appagante? Sì!

Il nostro EBS viene poi rafforzato dall'educazione, la maggior parte della quale ha luogo prima che noi abbiamo sviluppato del tutto le nostre capacità critiche e di ragionamento logico.
Le opinioni che ci vengono "impresse" possono cambiare da un'epoca all'altra, da una nazione all'altra, da una regione all'altra, ed influenzano il nostro modo di pensare a seconda del sesso, della religione, dello status sociale, della nostra occupazione, e persino dei nostri attributi fisici e mentali.

Come ho detto prima, l'EBS rappresenta la somma complessiva delle nostre vite.
Non vi sono due vite identiche fra loro, e quindi gli estremi della nostra filosofia individuale sono tanto personali quanto le nostre impronte digitali.
Con la differenza che le impronte digitali rimangono fisse dalla nascita, mentre il nostro modo di pensare cambia e si modifca in seguito ad ogni nuova esperienza quotidiana, che viene filtrata e confrontata con quella vecchia. A meno di incapacità di apprendimento.

Ad esempio a noi, che apparteniamo alla moderna società cosiddetta occidentale, viene impresso sin da piccoli l'imperativo biblico e cristiano "non uccidere!".
Mentre, in certe società di cultura bellica, i giovani uomini vengono addestrati fin da piccoli per fare a pezzi i loro nemici quando li uccidono.
La maggior parte delle donne oggi deplora la violenza, ma nelle società di cultura bellica le donne cercano di sposarsi proprio con i guerrieri.
Ho usato questi esempi estremi per enfatizzare come l'unica differenza fra le persone, dovunque e da sempre, vada ricercata nel loro EBS.

Da un punto di vista storico, le credenze occidentali sono in un certo senso cicliche, ed oscillano periodicamente: il sesso è male, il sesso è fantastico; la guerra è male, la guerra è un bene; Dio è crudele e vendicativo, Dio è giusto e compassionevole; i bambini hanno bisogno di disciplina, la disciplina traumatizza i bambini; i poveri sono dei depravati, i poveri vengono deprivati; l'universo è naturale o uniformistico, l'universo è sovrannaturale o cataclismico; eccetera eccetera.
Nella maggior parte dei casi il nostro "imprinting" culturale controlla le attività della nostra mente per il resto della nostra vita.
Il nostro EBS è per la nostra mente quello che il sistema operativo è per un computer.

Una volta diventati adulti, se il nostro EBS viene minacciato da fatti contrari o dalla logica, noi modifichiamo la nostra percezione dei fatti, o li ignoriamo completamente, oppure ci facciamo travolgere da una rabbia irrazionale.
Che siamo filosofi o scaricatori di porto, qualunque cosa minacci la nostra scodella di riso, il nostro orgoglio, il nostro prestigio, o il nostro EBS, scatenerà immancabilmente in noi una delle reazioni sopra citate.
Si tratta di un tipo di comportamento profondamente umano.

Il nostro EBS è modificabile soltanto in misura ristretta.
Il cambiamento dipende soprattutto dall'argomento in questione e dalla capacità logica della persona interessata.
Il vecchio proverbio "non puoi insegnare nuovi trucchi ad un vecchio cane" deriva da questa osservazione, poiché i cambiamenti sono normalmente lenti e molto limitati.
Né il cervello nè il computer possono funzionare al di fuori dei limiti imposti, sia che si tratti dell'EBS dell'uomo oppure del sistema operativo di un computer.
Il nostro EBS controlla ciò che possiamo permetterci di pensare, quale logica possiamo utilizzare nel prendere le decisioni, e quali fatti possiamo prendere in considerazione.

Nemmeno la scienza può sfuggire al nostro EBS.
Se potesse farlo, il sistema astronomico tolemaico non sarebbe rimasto in voga per oltre 1000 anni.
I filosofi dei tempi passati erano tanto intelligenti quanto quelli moderni, ma a causa del loro EBS si sforzavano in continuazione di dimostrare come tutti i corpi celesti fossero incastrati in sfere cristalline che brillavano mentre ruotavano, l'una all'interno dell'altra, attorno al nostro mondo piatto.

Esperti di ogni scuola di pensiero, sia essa religiosa o scientifica, non sposano sempre necessariamente la verità, anche se per caso ne sono a conoscenza.
L'armonia fra la filosofia e la religione non ci regala necessariamente la verità.
Come ho detto all'inizio, la gente ha molte difficoltà nel riconciliare i fatti che discordano con la loro filosofia di fondo, o EBS.

I collanti più potenti di una qualunque società sono un linguaggio comune e costumi in comune, il che porta la maggioranza dei membri di quella società a condividere una filosofia comune, o EBS.
Fino a che le cose rimarranno così, quella società resterà relativamente stabile.
D'altro canto, anche le forze distruttive che fanno a pezzi le società sono fondate sul pensiero individuale.
Quando avviene uno scisma profondo, questo mette a confronto individui contro individui e gruppi contro gruppi, fino al punto da far scricchiolare la società stessa.
Il fanatismo non è che il risultato di uno scontro di filosofie.
Questo può anche essere necessario, in certa misura, per sconfiggere un nemico, ma poi, una volta iniziato, è destinato a rimanere a lungo dopo che la sua necessità è venuta a mancare.

Ciò che ho scritto è qualcosa che molte persone non vorranno sentirsi dire.
Il nostro EBS infatti viene messo in pericolo se dobbiamo pensare che il grande padre ha mentito ai propri figli, li ha derubati ed ingannati, e che, peggio ancora, ha tutte le intenzioni di continuare a farlo all'infinito.

Poiché abbiamo sia un amore istintivo che una bias culturale verso qualsiasi forma di potere autoritario, e, di conseguenza, verso chi lo rappresenta e personifica, queste informazioni potranno risultare difficili per qualcuno da accettare.
Se creassero troppo stress, il nostro EBS molto probabilmente inizierà a generare dati fittizi contrari, che ci porteranno a fare delle concessioni estreme verso la nostro realtà, e che genereranno addirittura ostilità contro questo scritto.

Nessun commento:

Posta un commento